OneTeam ko contro Cantù ma esce a testa alta

oneteam-finali-under16-vittoria-bassano
ONETEAM BATTE BASSANO E VOLA AI QUARTI DI FINALE!
22 giugno 2018
Vittoria-contro-moncalieri-oneteam-under16-a-bassano-del-grappa
Cantù campione under 16, OneTeam 5ª!
25 giugno 2018
oneteam-ko-contro-squadra-cantù

TEAM ABC CANTU’-ONETEAM FORLI’ 66-54 (14-4, 34-2353-38)

TEAM ABC – Caglio 9, Lanzi 10,Merlo, Pozzi 7, Braghini, Procida 23, Mirkovski 2, Bellotti, Ziviani 11, Consonni, Bresolin, Marazzi4. All.: Visciglia

ONETEAM – Zambianchi 2, Mistral, Creta 5, Torelli 7, Adamo 2, Ciadini 4, Prandini, Landi, Flan 17, Squarcia 4, Fabiani 13, Gaspari. All.: Barbara

Come un anno fa a Porto San Giorgio, ora a Bassano del Grappa. Il cammino della squadra under 16 di OneTeam alle finali nazionali è destinato ad interrompersi ai quarti di finale e sempre contro Cantù. Così accadde un anno fa, così è accaduto nei quarti in terra veneta. La differenza è stata una squadra forlivese più maturata che, rispetto a 12 mesi fa, ha tenuto meglio il campo e che a 5′ dalla fine era ancora a -12 ed ha sbagliato il tiro del -10. Cantù, una delle favorite per la vittoria finale, è stata sempre avanti nel punteggio ed ha vinto meritatamente mettendo in mostra una squadra più lunga, più completa, più fisica e con un giocatore che ha fatto la differenza: Procida, miglior realizzatore del match che, nella prima metà ha propiziato l’allungo dei canturini con 4-4 da tre.

Forlì ha pagato un primo quarto pessimo in attacco (ha perso di 1 il secondo, di 4 il terzo ed ha vinto di 3 il quarto periodo), ma non ha mai smesso di combattere in difesa e a rimbalzo mostrandosi squadra arrivata a questi livelli non per caso. I ragazzi di coach Barbara hanno faticato in attacco, ma anche sotto di 20 (53-33) quando potevano mollare, sono sempre rientrati ed anche per questo escono dalla competizione a testa altissima e con il plauso di tutti gli appassionati forlivesi. Un plauso che va a questi 12 ragazzi tutti di Forlì, tutti cresciuti nei settori giovanili della città e tutti ora protagonisti a livelli fino a qualche anno fa impensabili.