Una fantastica Aics fa sua gara 2 di finale

crescita-continua-final-four-sfiorata-squadra-under-13-elite
UNDER 13 ELITE, UNA CRESCITA CONTINUA E FINAL FOUR SFIORATE
1 giugno 2018
Un pullman gratuito per seguire l’A.I.C.S. nella finalissima
1 giugno 2018
aics-basket-femminile-finali-playoff

Di fronte ad un meraviglioso pubblico le ragazze di Montuschi vincono una grandissima gara e rimandano il discorso promozione a terza e decisiva gara di domenica a Castel San Pietro.
Aics Forlì – Magika Castel San Pietro 58-53
(17-9, 30-17, 47-38)

Forlì: Montanari 2, Calabrese 9, Bussi, Sampieri 1, Bozzi 1, Bargellini, Cedrini 15, Donati 2, Gnini 1, Paleari 12, Giunchi, Rossi 15. Coach: Montuschi
C.S.Pietro: Tintorri 7, Venturoli 6, Venturi 9, Ventimiglia 2, Zuffa, Penna, Lipparini 9, Bellandi, Venturi, Schiavina 7, Fabulli 2, Meloni 8. Coach: Cilfone

Una serata indimenticabile quella vissuta ieri al Palasport Villa Romiti di Forlì, dove le ragazze dell’Aics hanno conquistato una meravigliosa vittoria contro la Magika Castel San Pietro che rimette tutto in gioco per il discorso promozione. Le due squadre infatti dovranno affrontarsi nuovamente Domenica in terra emiliana per la terza e decisiva gara di una finale playoff veramente bella ed avvincente.
Di fronte ad una splendida cornice di pubblico, grazie alla fantastica risposta dei forlivesi agli appelli fatti in settimana dall’Aics, la partita prende subito una piega importante in favore delle padrone di casa. Rossi e Cedrini fanno capire di essere in gran serata con canestri importantissimi che piazzano il primo importante strappo del match. Montuschi ruota sapientemente le proprie giocatrici per mantenere alto in tutte le effettive il coinvolgimento del match e le forlivesi riescono a chiudere il primo quarto in vantaggio di 8 punti. L’intensità non cala nei secondi 10’ di gioco, Paleari si conferma una fuoriclasse sotto le plance da tutti e due i lati del campo, ma anche tutte le sue compagne non smettono di macinare ottimo basket, nonostante l’instancabile pressing difensivo delle avversarie.
Una tripla sontuosa di Gloria Calabrese a fil di sirena regalava all’Aics il massimo vantaggio +13 con cui si andava al riposo lungo. Al ritorno in campo le padrone di casa riuscivano a mantenere un importante ritmo offensivo grazie soprattutto agli 8 importanti punti di Cedrini che consentivano di contenere la grande concretezza offensiva delle avversarie che provavano a rifarsi sotto senza però ridurre di molto il gap. Dopo l’ultimo riposo la partita però prendeva una piega completamente diversa, ed in una delle classiche sliding doors che caratterizzano questo meraviglioso sport, una tripla di Valeria Rossi che avrebbe potuto portare l’Aics ad un pesantissimo +18, accarezza il ferro, fa due giri…ma poi clamorosamente esce, e proprio in quel momento la partita cambia faccia, perché Castel San Pietro riesce a mettere tre triple consecutive, ricucendo completamente lo strappo e portandosi a soli 3 punti di distanza dalle avversarie. In un momento cruciale, Francesca Gnini veniva espulsa per un fallo tecnico, il quale andatosi a sommare ad un antisportivo commesso nel primo quarto le è costato l’uscita dal campo, e successivamente Paleari commetteva la quinta infrazione che le costava l’uscita dal campo. Il gioco si faceva spezzettato e molto falloso da entrambe le parti e si faceva sempre più chiaro che l’avrebbe spuntata chi avesse mantenuto maggiormente la lucidità dalla lunetta; Bozzi e Cedrini non si lasciavano prendere dall’emozione e segnavano i liberi più importanti della serata, regalando una meravigliosa vittoria all’Aics contro una grande avversaria che ha mantenuto un’intensità soprattutto difensiva importantissima per tutta la durata dell’incontro.
Domenica sarà un grande giorno, il giorno della verità, la resa finale dei conti in queste meravigliose finali dove si stanno affrontando due grandissime squadre. L’appuntamento è per le 20 a Castel San Pietro, le ragazze di coach Montuschi sono pronte a vender cara la pelle, per dare a questa stagione una conclusione degna della grandezza del gruppo forlivese.