May Madness Le Finali, follia di maggio!!

oneteam-a-roseto-con-le-finali-nazionali-under-15
ONETEAM, A ROSETO LE FINALI NAZIONALI UNDER 15
28 maggio 2018
finali-under15-basket-brescia-contro-oneteam
FINALI UNDER 15, ONETEAM KO CONTRO BRESCIA
29 maggio 2018

Un finale in grande stile, domenica 20 maggio, per celebrare un anno di passione per la pallacanestro: Le Finali si sono svolte nella palestra Viroli del Ronco che ci ha offerto, oltre al campo di gioco, un angolo verde rinfrescato da una leggera brezza dove aspettare in totale relax l’avvicendarsi dei ragazzi in campo con la possibilità, per chi in quel momento non giocava, di rifocillarsi “alla sportiva” prima di riprendere le ostilità e di approfondire la conoscenza tra atleti e staff grazie a piacevoli chiacchiere sulla palla a spicchi e non solo.

Registi di questa giornata di Festa gli allenatori Gianluca Gori (A.I.C.S. 2005) e Massimo Chiocca (A.I.C.S. 2004) con il supporto del Presidente Gabriele Ghetti indaffaratissimo a gestire il punto ristoro insieme alle nostre mascotte, nonché suoi figli, Emanuele, Elettra e Olimpia che hanno aiutato, con un fare che fa ben sperare, anche al tavolo degli ufficiali di campo!?

Lascio la disamina tecnica a chi è più ferrato di me: di questa giornata mi porto a casa il piacere di aver visto questi ragazzi essere coriacei avversari in campo e grandi amici sul prato rasato dell’area esterna o sui gradoni della tribuna: da apprezzare il fatto che gli organizzatori abbiano scelto altri ragazzi e ragazze (in molti casi già atleti/e) come ufficiali di campo, cronometristi e arbitri, perché avessero il modo di confrontarsi fra pari in tutti gli ambiti di questo meraviglioso gioco, lasciando a noi adulti il solo compito di tifare.

Al centro di questa giornata ci sono stati i ragazzi, le loro Famiglie e la pallacanestro, grazie anche all’opportunità offerta dall’A.I.C.S. Basket di uno spuntino veloce nel giardino della palestra, con il chiosco delle piadine approntato per l’occasione, che ha permesso a tutti di trascorrere un’intera giornata insieme così che oltre alla competizione ci potesse essere una reciproca e più approfondita conoscenza. Una bella soddisfazione vedere i ragazzi lasciare il campo assieme e sorridendo, vincitori e vinti: in auto, di rientro dalla faticosa kermesse, è stato piacevole sentirli parlottare ricordando le nuove amicizie che si sono avviate.

Rapporto di amicizia che vedi anche fra gli allenatori: siamo tutti abituati a vederli concentrati solo sulla partita, la vittoria… in realtà affrontano anche mille e più argomenti che nulla c’entrano con la palla a spicchi!? È Festa anche per loro: affrontano tutto ciò col sorriso, dopo un lungo e duro anno di lavoro in palestra, condividendo in quel momento i progressi e “i fallimenti” di tutta la stagione. Poi, attenzione, sono lì per giocare e ognuno di loro vorrebbe i propri ragazzi sul podio!? Ma non è solo quello il fine, lo tocchi con mano quando, ad esempio, gli amici di Cesena coinvolgono un genitore che li sostiene che, lavorando alla Centrale del Latte di Cesena, fornisce per la merenda yogurt e latte per tutti i ragazzi (inutile dire che gli atleti hanno apprezzato e spazzolato in un attimo!?) e spiega, con una semplicità disarmante, il generoso gesto: è un partner che sostiene noi, ma che oggi sostiene tutti!! Ringraziamo loro e i nostri partner che hanno reso possibile la realizzazione di questa giornata.

Vedere alla fine della manifestazione la tensione sciogliersi sui visi di chi ha organizzato e diretto questa lunga giornata di gioco e non solo, quando era chiaro che tutto era andato per il meglio dalla gestione delle partite, allo scandire i tempi per dare modo alle squadre di riposarsi e rifocillarsi col pranzo dello sportivo, per arrivare alle docce fredde… ma solo per un attimo, giusto il tempo di una telefonata e si risolve. L’impegno che viene richiesto a chi allena (che va ben oltre alle ore svolte in palestra per allenamenti e partite), la cura con cui sono state organizzate Le Finali che dovevano e sono state anche un momento di aggregazione e non solo di competizione ecco, tutto ciò ci ha fatto perfettamente comprendere (perché lo ha reso tangibile), quello che per l’A.I.C.S. Basket è al centro della pallacanestro: i ragazzi e la loro crescita.

Una veloce carrellata sui protagonisti:

A.I.C.S. Junior Basket 2005: i piccoli di questo Torneo, chiuderanno ultimi, comunque dopo aver lottato come leoni, senza badare se gli avversari avevano una panchina più profonda o tanti centimetri e chili in più. Bravi!!

Basket Tre Colli Brisighella: panchina cortissima, con solo sette giocatori scesi nel Zitadon, in maggioranza ragazze!! Ma non fatevi ingannare, hanno dato tanto tanto filo da torcere a tutte le squadre che hanno affrontato e hanno anche “colpito al cuore” gli avversari; vedere i ragazzi delle varie squadre salutare in corteo il pulmino di Brisighella che partiva per il rientro, chiamando il numero di maglia di questa o quella ragazza è stato il momento romantico del Torneo!! Si classificheranno al 5° posto.

Pallacanestro San Piero in Bagno: un gruppo coeso che scende in campo battagliando su ogni palla e ogni rimbalzo, ragazzi molto legati fra loro, hanno coraggio e grinta da vendere, si muovono sempre in gruppo anche fuori dal rettangolo di gioco, arriveranno quarti.

Compagnia dell’Albero Ravenna: squadra profonda, veloce e ben determinata, in “livrea nera” sembrano un operoso sciame che lavora sul campo!! Sguardo con “gli occhi della tigre” quando fissano gli avversari, conquistano con merito il terzo gradino del podio.

Endas Cesena: un plotone di corazzieri alti e tosti fermamente decisi a vincere, affrontano con determinazione ogni contesa, risultando ben organizzati in campo: la sconfitta in finale gli vale un secondo posto di tutto rispetto.

A.I.C.S. Junior Basket 2004: sono partiti in meno di dieci lo scorso anno agli ordini di Coach Massimo Chiocca che  da uno sparuto drappello ora si ritrova una panchina lunga e piena di guerrieri, passano da armata Brancaleone a squadra e a gruppo di amici, arrivano primi, ma la vittoria più grande è quella di vederli sempre più squadra seppure con tanto lavoro ancora da fare: la strada è quella giusta!!

Infine, la parte fondamentale di ogni partita che si rispetti: un sentito ringraziamento agli arbitri Nicola, Pietro, Carlo (di Forlì), Marco (di Cesena) e agli ufficiali di campo Anna, Irene, Carlotta, bravissimi a gestire tutto come professionisti!! Un grazie anche ai tre UdC “davvero in erba” Emanuele, Elettra e Olimpia, coi loro 18 anni in tre!!

Grazie a Tutti e alla prossima edizione!!

MP